Articoli marcati con tag ‘tè con le amiche’

Le vostre lettere: posso coltivare il tè a casa?

Cara Acilia,
sono mesi che non accendevo il computer (problemi tecnici) ma sono subito andata a leggere tutto quello che mi sono persa del tuo blog. Mi puoi forse suggerire un tipo di tè adatto ad un pomeriggio conviviale con le mie amiche?
E avrei ancora una cosa da chiederti, forse un pò azzardata: ho un pezzetto di terra in un paesino (a 900 mt.) che una volta il Carducci definì “l’aerea FIELIS”, proprio nel cuore della Carnia, e dove pianto un pò di tutto: pensi che potrei coltivare le piantine del tè? Se sì, dove potrei trovarle?
Un saluto e un abbraccio
Nirvana [Trieste]
Ciao Nirvana.
Dunque, in merito al pomeriggio conviviale, tutto dipende da come sono queste amiche 🙂 Se consumano abitualmente del tè, e se conosci già i loro gusti, potresti stupirle con un tè raro che assecondi le loro preferenze. Diversamente, direi che potresti orientarti su un paio di assaggi di tè aromatizzati o profumati (cosiddetti scented). Nei tea-time con le amiche si tende di solito ad offrire qualche biscotto, pasticcino, muffin o plumcake e per questo credo sarebbe meglio prediligere tè poco impegnativi che solleticano il palato.
Dovresti scegliere dei tè che quasi certamente incontrerebbero il gusto di tutte le tue ospiti, senza osare con miscele ricche di troppi ingredienti o sapori troppo particolari. Un classico tè al gelsomino è spesso gradito da tutti per esempio, o in alternativa un tè alla vaniglia, o all’arancia e cannella, una tazza tradizionale ai frutti di bosco o un Earl Grey (bergamotto).
In linea generale, per quanto ho appreso dalla mia esperienza personale, è sempre meglio proporre dei tè neri ad ospiti dal palato inesperto, perché sono più simili a quelli commerciali il cui gusto è già familiare, perché sono i più adatti ad accogliere lo zucchero e perché hanno aroma e sapore più incisivi, più definiti e quindi più “facili”. I tè verdi e i tè bianchi rischiano di apparire sfuggevoli e deboli a chi non li ha mai assaggiati e gli oolong suscitano spesso perplessità.
Certo i tè lavorati potrebbero essere una buona soluzione per sorprenderle; sono delle piccole opere d’arte a forma di gemma, lavorate a mano pezzo per pezzo e rilasciano un aroma tipicamente floreale (qualche tempo fa ho scritto un post in merito). Tuttavia, sono costituiti il più delle volte da foglie di tè verde e le osservazioni sono le stesse fatte poc’anzi.

Il tuo secondo quesito richiede una risposta un po’ più complessa.
La pianta del tè, la Camelia Sinensis, non si può coltivare ovunque purtroppo, ha bisogno di condizioni climatiche molto particolari. Anzitutto necessita di grandi quantitativi d’acqua per crescere e per questo viene coltivata nelle regioni calde e umide, dove l’elevata frequenza delle piogge ne assicura almeno 2 metri ogni anno (ma ciò che più conta per la resa agricola è la distribuzione temporale delle precipitazioni). Inoltre, il terreno più adatto al suo sviluppo è bene che sia acido, permeabile, privo di ristagni d’acqua e per i primi 2 metri di profondità privo di sassi o di terra troppo dura.
Altri fattori importanti sono la temperatura, che in genere dovrebbe oscillare tra i 13 e i 32°C, e la lunghezza del giorno che influenza i ritmi di crescita della pianta.
Dopo la raccolta, le foglie devono essere immediatamente sottoposte a diverse lavorazioni (che determineranno la tipologia del tè), perché qualunque ritardo incide sulla qualità. Nel caso del tè nero, per esempio, le foglie sono disposte su graticci ventilati con aria calda e sono fatte appassire per circa 20 ore ad una temperatura di 30°, al fine di perdere gran parte della loro umidità. Segue poi il processo di appassimento, rullatura, la fase della fermentazione e l’essiccamento (indispensabile per stabilizzare nel tempo il peso e le caratteristiche delle foglie): tutte pratiche che non potresti svolgere personalmente accanto al tuo pezzetto di terra 🙂
Addirittura la fase del trasporto delle foglie, subito dopo la raccolta, richiede che si rispettino rigidamente alcune regole. Non meno importanti sarebbero anche le problematiche legate agli insetti nocivi che potrebbero rovinare la piantagione.
Purtroppo non funziona come per il basilico, le foglie del tè non vengono semplicemente raccolte e poi infuse in una tazza calda: la fase della lavorazione è imprescindibile e molto complessa.

Spero di esserti stata utile in qualche modo. Ricambio il tuo abbraccio.
A presto

Acilia