Articoli marcati con tag ‘bambini’

Speciale bambini: Tino e Gobbolino

Tino  e Gobbolino sono i due nuovi ospiti della bottega virtuale. Un gattino e un cioccolatino, entrambi teneri sognatori, da oggi presteranno il nome a due infusi di frutta dedicati ai bambini.
Gobbolino è il protagonista di un libro per ragazzi di Ursula Moray Williams (“Gobbolino the witch’s cat“), scritto nel 1943 in Inghilterra. È nato come gatto di strega, ma volare su una scopa lo terrorizza, desidera diventare un gatto di casa. Per questo si mette in viaggio per cercare un tetto sotto cui essere felice.
Tutti i gatti di strega sono neri e hanno gli occhi verdi, lui invece ha una zampa bianca e gli occhi blu. Questi stessi due colori sono dunque i protagonisti dell’infuso: petali di fiordaliso e meringhe, uniti a pezzi di mela, fragola e aroma naturale di vaniglia.
Tino invece è un personaggio nato dalla penna di Aurora Marsotto e Chiara Patarino, l’una giornalista e curatrice delle rubriche “Grandi e piccini” e “I primi libri” per Il Sole 24 ore e l’altra scrittrice. Il libro che hanno scritto insieme, intitolato “Tino il cioccolatino“, che ha avuto diversi seguiti attraverso altri piccoli volumi, è stato pubblicato nel 2002 e racconta le vicende di un cioccolatino al latte che abita nella cucina di zia Marianna e che lì incontra l’amore, la caramella Nugabella.
Il nome è un chiaro richiamo al protagonista indiscusso di questo infuso, il cioccolato, arricchito da pezzi di pera, papaia e petali di girasole.


L’idea di proporre delle bevande adatte a soddisfare anche il palato dei bambini nasce dalla richiesta di molti lettori/clienti desiderosi di coinvolgere i propri figli, nipoti, alunni o figli di amici nel rito della tazza calda. Gli infusi di frutta disidratata rappresentano, a mio parere, il modo più sano, perché nutrienti e privi di caffeina, e accattivante, in quanto colorati, profumati e dolci, per catturare la curiosità dei piccoli e per distrarli, tra le altre cose, dalle consuete bevande industriali ricche di additivi, coloranti e dolcificanti. Inoltre, perdendo l’acqua durante il processo di disidratazione, questi infusi si concentrano enormemente in fatto di fibre, minerali e vitamine.
Sono anche un omaggio ad una carissima lettrice che è alla sua prima dolce attesa, ad una delle mie più intime amiche che ha dato alla luce Viola appena un mese fa e ai miei quattro meravigliosi nipotini.

Tino e Gobbolino possono diventare dunque gli attori di feste di compleanni, ricevimenti quali prime comunioni o battesimi, serviti caldi o freddi, senza alcuna limitazione stagionale. In alternativa, diventano un’originale idea regalo da riservare anche agli anziani, alle donne in gravidanza o a tutti coloro che indistintamente non tollerano la caffeina e desiderano una tazza leggera e gustosa.

Proprio in occasione di comunioni, battesimi e primi compleanni, esiste la possibilità di realizzare delle bomboniere personalizzate con l’ausilio di Tino e Gobbolino. Il principio è uguale a quello espresso per le Idee regalo: la volontà che il ricordo rimanga, in modo tangibile. Per questa ragione ho selezionato una piccola serie di oggetti che possono affiancare l’infuso e che, dopo aver esaurito il piacere olfattivo e gustativo, impreziosiscono le camerette, facendosi talvolta anche elementi di gioco.



Al di là di ogni ricorrenza, Tino e Gobbolino rappresentano un’occasione per allietare: attraverso la natura dei loro nomi, l’esplosione dei colori, gli aromi avvolgenti capaci di ricondurre immediatamente ai sapori dell’infanzia.
E se avete piacere, mentre bevete in compagnia dei vostri bambini (ma anche da soli), concedetevi la lettura di fiabe e filastrocche: qui potete scegliere quelle più adatte ad ogni momento.
Io ve ne lascio una di origine cinese.

I bambini soffrono di diarrea?

Per combattere un episodio di diarrea infantile basta un semplice presidio casalingo: il tè verde.
Avendo proprietà astringenti e solo un terzo del contenuto di caffeina rispetto al tè nero, possiede anche un’azione antibatterica, soprattutto contro le salmonelle.
Al bisogno si prepara un infuso con un cucchiaino di tè verde per una tazza d’acqua calda. Si lascia riposare per 5 minuti e si somministra a piccoli sorsi.
Trattandosi di bambini e avendo il tè verde un sapore tendenzialmente amaro, l’aggiunta di miele o di zucchero integrale è quasi d’obbligo.

 

Dr. Francesco Perugini Billi