Articoli marcati con tag ‘ricette’

Di crepe, pollo e miscele

Tre idee per sperimentare i tè della bottega virtuale nelle declinazioni più disparate.
Una arriva dall’estate sulla mia terrazza; l’altra ci è stata suggerita da un lettore appassionato di cucina, architettura e tè; l’altra ancora da una cara amica e cliente che si diletta a creare miscele personalizzate con i tè e le tisane della bottega correggendole anche con spezie.

La ricetta della mia crepe salata è assai veloce, leggera, gustosa, adatta soprattutto a pranzi, cene o brunch improvvisi. Servendola con una tazza di Bai Lin Gong Fu Superior o di Shiawase  diventa un piatto originale, raffinato, di sicuro impatto sia visivo che gustativo.

Ingredienti (per 4 crepes piccole)
Per l’impasto:
– 500 ml di latte di soia (o latte normale parzialmente scremato)
– 2 uova
– 200 g di farina integrale
Per il ripieno:
– 1 zucchina grande tagliata a tocchetti
– 1 carota media
–  1 melanzana piccola
– cumino (facoltativo)
– 100 g di pecorino poco stagionato dolce tagliato a tocchetti

Frullate tutti gli ingredienti per l’impasto in un mixer e lasciate riposare per 10 minuti circa. Successivamente passate attraverso un colino per eliminare eventuali grumi.
In un wok versate appena 1 cucchiaio di olio d’oliva, mettete tutte le verdure, uno spicchio d’aglio privato dell’anima e pochissima acqua. Lasciate cuocere a fuoco medio mescolando di tanto in tanto per circa 15 minuti.
Se vi piace il cumino, tostatene una manciata di semi in un’altra padellina antiaderente per pochi minuti. Dopodiché pestateli in un mortaio e uniteli alle verdure.
Ungete una padella antiaderente non molto grande dai bordi bassi con poco burro di soia, fatela riscaldare bene e versate un mestolo di impasto per volta, lasciando cuocere circa 2 o 3 minuti per lato.
Farcite la crepe con il ripieno di verdure, aggiungete i tocchetti di pecorino dolce, arrotolatela e tagliatela a rondelle.
Servite adornando con del timo fresco se ne avete.


La ricetta di Marco invece è un secondo fresco e corroborante, in cui il tè diventa uno degli ingredienti principali:

Pollo affumicato al tè con pompelmo e finocchi

Ingredienti (per 4 persone)
– 600 g di petti di pollo interi
– 1 cucchiaio di tè [vi suggerisco l’Houjcha o il China Special Golden]
– 1 cucchiaio di riso
– 2 cucchiaini di zucchero
– 1 pompelmo rosa
– 1 pompelmo giallo
– 2 finocchi
– 1 cetriolo
dragoncello q.b.
– 2 cucchiai di yogurt naturale
– 3 cucchiai di olio EVO
– sale q.b.

Mettete il pollo in un cestello per la cottura a vapore, coprite e cuocete una mezz’oretta sopra una pentola con acqua bollente salata e poi lasciate intiepidire nel cestello stesso.
In un wok mettete dei fogli di alluminio a rivestire le pareti [va bene anche una larga padella antiaderente]; aggiungete le foglie di té, lo zucchero e il riso e mescolate.
Coprite e scaldate su fiamma dolce. Appena comincia a formarsi fumo, mettete sopra il cestello con il pollo e affumicatelo per 20 minuti, lasciando poi raffreddare.
Pulite e riducete a spicchi i finocchi, lavate a e affettate con una mandolina rigata il cetriolo, spremete il succo dei pompelmi. Al succo aggiungete lo yogurt, un pò di dragoncello [non tanto che è dolciastro], l’olio e un pizzico di sale.
Infine tagliate il petto a fette non troppo spesse, aggiungete cetrioli e finocchi [e se vi piace anche degli spicchi di pompelmo] e cospargete con l’emulsione di succo di pompelmo e yogurt.
Servite accompagnando con una tazza di tè bianco naturale selvatico Ye Sheng, che grazie alla sua spiccata nota minerale e ai suoi sentori lievemente agrumati e di nocciola, asseconda e contrasta al tempo  stesso il sapore del pompelmo, dei finocchi e dello yogurt.

In ultimo, Elvira propone una miscela personalizzata creata al mattino per la colazione, per garantirsi un risveglio salutare, profumato e rinvigorente, all’insegna della musica da meditazione. Lo ha chiamato Amarillide, il nome di un fiore il cui significato è preghiera, bellezza, fierezza.

Infuso Amarillide 

Ingredienti (per una tazza da 300 ml)
– 2 cm di zenzero fresco
– 1 cucchiaino di Tisana Buon Umore
Р1 cucchiaino e mezzo di t̬ verde aromatizzato Altri Tempi
– miele q.b.

Fate bollire la radice di zenzero sbucciata in 300 ml di acqua per circa 5 minuti. Successivamente filtrate e lasciate infondere nel decotto di zenzero le foglie della tisana per 6 minuti.
Nel frattempo l’acqua sarà giunta alla temperatura giusta (75°/80°C) per infondervi anche le foglie del tè verde per circa 2 minuti.
Alla fine filtrate tutto e aggiungete a vostro piacimento del miele.

Incontri e spunti interessanti

Tornando a godere dell’aroma del Tè di Natale, riemerso nella bottega virtuale da pochi giorni su affettuosa richiesta di molti di voi, vi lascio tre gradevolissimi spunti:
– una ricetta;
Рuna piccola raccolta fotografica dedicata ai dettagli delle foglie di t̬, ad opera del giovane fotografo Alessandro Ragazzon;
– un’intervista alla sottoscritta realizzata dalla cara Tiziana Rinaldi che inaugura un’appassionante rubrica dedicata alla creatività femminile.

Si prospettano lunghe giornate di pioggia nel corso della prossima settimana, alcuni avranno piacere a stare tra i fornelli: l’unione tra cioccolato, ciliegia e rosa che Sara ha studiato appositamente per Insieme a Tè, è un buon pretesto per accogliere a casa gli amici, o per concedersi un dopo cena fuori dal comune.
Bon appétit.

Novità in Puglia e in Giappone

Mancherò qualche giorno perché andrò a Gragnano (NA) a seguire il Master del tè.
Nell’attesa di potervi raccontare quanto appreso, vi lascio una ricetta finger food velocissima in cui i sapori tipicamente meridionali sorreggono e arricchiscono quelli orientali in modo originale e stuzzicante. L’idea nasce infatti per accompagnare una tazza di Genmaicha Hanafubuki o Houjicha Kaori Fumi: nelle cene improvvise, per un aperitivo sfizioso, a merenda o per un brunch innovativo.

Crocchette J’improvise

Ingredienti:
– 1 mozzarella fresca
– 6 taralli pugliesi medi all’olio di oliva con semi di finocchio
–  25 g di burro
– rosmarino fresco q.b

Tagliate la mozzarella a tocchetti e frantumate i taralli in un mortaio. Amalgamate in una ciotola questi due ingredienti con le mani. Rosolate subito dopo in una padella antiaderente i 25 g di burro insieme al rosmarino, fino a farlo imbiondire.
Prendete l’impasto con un cucchiaio per poi passarlo in un altro (formate delle quenelle), oppure prendete il composto e lavoratelo con le mani fino a ottenere delle crocchette.
Cuocete le crocchette nel burro aromatizzato al rosmarino per pochi minuti (girandole almeno una volta), finché non risulteranno dorate. Servite ancora calde (e filanti).

Rimanendo in Giappone, colgo l’occasione per comunicarvi che da pochissimi giorni la categoria “Accessori” della bottega virtuale si è ampliata grazie all’inserimento di due nuovi prodotti esclusivamente orientali: il chasen e il set 3 pezzi per la preparazione del tè Matcha.

Rimanendo in Puglia invece, vi lascio due accenni di alcune nuove proposte che si affacceranno nella bottega nei prossimi mesi: una confettata realizzata e adornata artigianalmente per una coppia di sposi di Bari e un pensiero-ricordo realizzato, sempre artigianalmente, per il primo compleanno del mio nipotino, dedicato agli invitati della sua festicciola.




Torno presto. Vi abbraccio.

Biscotti della nonna Maria

Le ricette delle nonne, si sa, sono di gran lunga più buone di quelle che catturiamo da libri, riviste, televisione e di recente anche dai food-blog. Hanno una storia, una ragione, un luogo, un ricordo, uno stato d’animo da cui si originano e a cui sono legate; spesso sono frutto di una necessità diventata creatività. Sono ricette autentiche, questo è il valore aggiunto.
Le nonne impastano esclusivamente con le mani, non ammettono l’utilizzo di nessun congegno. L’unico modo che conoscono per dare forma ad un piatto è entrare in contatto diretto con ciascun ingrediente che lo compone. Le nonne si sporcano, si scottano, attendono.
In passato cucinare significava famiglia, le nonne erano solite farlo solo per i loro uomini e i loro figli. Era sinonimo di dedizione, di aggregazione.

Nonna_MariaMia nonna Maria preparava il pane in casa, i taralli dolci per la colazione, le cartellate e le sfogliatelle a Natale, i marzapani, le spumette, la focaccia con la farina di grano bruciato, le scarcelle a Pasqua e la pasta fresca di ogni tipologia con ogni tipo di condimento. È sempre stata una sintesi di energia, candore, tenerezza, spontaneità: non so immaginare la mia esistenza senza la sua voce. È l’espressione dell’abnegazione nell’accezione più piena, è dotata di una solarità contagiosa, di una positività irresistibile.

Questa ricetta è frutto di una tradizione che lei ha accostato al periodo natalizio; da molti anni le mie colazioni dicembrine sono degli appuntamenti irrinunciabili con questi biscotti, leggeri e versatili: si prestano ad affiancare indifferentemente caffè, latte, cioccolato caldo, tè aromatizzati e persino naturali. Sono biscotti semplici, molto gustosi, hanno una consistenza che sorprende. L’essenzialità è la loro caratteristica migliore.

Ingredienti:

• 1 Kg di farina 00
• 180 g di zucchero
• 4 uova
• 200 g di olio di semi
• 1 bustina di ammoniaca per dolci
• 1 bustina di lievito per dolci
• 1 bustina di vanillina
• mezzo bicchiere di latte tiepido
• marmellata a scelta q.b. (mia nonna usa rigorosamente quella di mele cotogne che prepara in casa)

Impastate con le mani creando un cratere con la farina e aggiungendo nell’ordine: le uova, lo zucchero, l’olio di semi, la vanillina, il lievito e l’ammoniaca fatta sciogliere nel mezzo bicchiere di latte tiepido.
L’impasto deve risultare né troppo denso, né troppo molle.
Bagnate le mani all’olio, fate una sorta di serpentelli abbastanza spessi con la pasta e distendeteli con il mattarello. Spalmate la marmellata sui serpentelli e ripiegate la pasta su se stessa per chiudere il rotolo; mettete su carta da forno, spargete con il pennello poco latte sulla superficie e spolverare con pochissimo zucchero.
Infornate (con forno già caldo ventilato) a 175° per 20 minuti circa.

Biscotti_nonna

Gelatina al Genmaicha con pezzi di pesca

Loretta è un nome allegro, frizzante. Rispecchia perfettamente il suo modo di essere, positivo.
È una lettrice fedele di questo blog e dalla nascita della bottega virtuale è anche cliente affezionata, una delle prime ad avermi accordato piena fiducia. Una donna entusiasta, attenta, sensibile.
Fortemente appassionata di cioccolato, si diletta spesso nella preparazione di praline particolari che condivide con la famiglia e gli amici. La immagino così, circondata da antiche pentole di rame ricolme di creme, in una cucina di legno scuro alla luce di un sole di tarda mattina. Mi piace pensare che si muova con movimenti svelti e sapienti e che nell’aria imprima una scia lieve di cacao.

Loretta predilige da sempre i tè neri aromatizzati, sceglie raramente i tè naturali sebbene di recente abbia iniziato ad apprezzare i verdi.
Consuma il suo rito quotidiano in un mug natalizio molto alto che tiene in ufficio, anche se la tazza che preferisce è quella bassa rigorosamente bianca, perché si possa guardare il colore del liquore. Quando sceglie invece di accompagnare il tè ai pasti, utilizza due servizi in particolare: uno di vetro con delle tazze sottilissime, l’altro verde di stampo giapponese con due tazzine disuguali senza manici.
Considera quello del tè un momento speciale, una coccola per la sua anima e per quella degli altri, un rito di centratura e di conciliazione con il mondo. Ne beve tutte le mattine e quando arriva il freddo il rito si ripete anche nel pomeriggio e nel fine settimana.
Le piacerebbe creare una miscela aromatizzata con mandorle, panna, vaniglia e scorza di limone, su base nera di un Darjeeling secondo raccolto.

In occasione di una cena con pochi amici  ha sperimentato una mousse di cioccolato abbinata ad una gelatina di tè Genmaicha con pezzi di pesca. È una ricetta semplice, veloce, che si può abbinare anche a molte altre pietanze e che riscuote un successo sicuro.

Tagliate della polpa di pesca gialla matura a tocchetti. Preparate intanto un infuso concentrato di Genmaicha sufficiente a riempire per poco più della metà delle ciotoline individuali, possibilmente di vetro trasparente, pesando preventivamente l’acqua necessaria.
Nel frattempo mettete a bagno in acqua fredda 2 g di gelatina in fogli per ogni 100g di infuso. La proporzione è un po’ in difetto rispetto a quanto previsto dalle confezioni, per mantenere un più alto grado di freschezza dovuto alla sensazione “acquosa” che una gelatina più lenta dà al palato. Se desiderate avere un effetto più “fermo”, utilizzate 4 g per 100 g come previsto.
Quando i fogli si saranno ammorbiditi, toglieteli dall’acqua, strizzateli e metteteli nell’infuso, mescolando finché non si saranno sciolti. Disponete nelle ciotole i pezzetti di pesca in modo da coprire bene il fondo e versatevi sopra l’infuso.
Quando il composto non sarà più caldissimo, mettete le ciotole in frigorifero, fino al momento di servire.

Gelatina

Affogato al tè Houjicha e pinoli nella no man’s land

Fin dai primi anni della mia giovinezza pensavo che ognuno di noi ha la propria “no man’s land”, in cui è totale padrone di se stesso. C’è una vita a tutti visibile e ce n’è un’altra che appartiene solo a noi, di cui nessuno sa nulla. Ciò non significa che, dal punto di vista dell’etica, una sia morale e l’altra immorale. Semplicemente, l’uomo di tanto in tanto sfugge a qualsiasi controllo, vive nella libertà e nel mistero, da solo o in compagnia di qualcuno, anche soltanto un’ora al giorno, o una sera alla settimana, un giorno al mese; vive di questa sua vita libera e segreta da una sera (o da un giorno) all’altra e queste ore ore hanno una loro continuità.
Queste ore possono aggiungere qualcosa alla vita visibile dell’uomo oppure avere un loro significato del tutto autonomo; possono essere felicità, necessità, abitudine, ma sono comunque sempre indispensabili per raddrizzare la linea generale dell’esistenza.
In questa “no man’s land” possono accadere strane cose, si possono incontrare altri esseri simili, si può leggere e capire un libro con particolare intensità, o ascoltare musica in modo inconsueto, oppure nel silenzio e nella solitudine può nascere il pensiero che in seguito ti cambierà la vita, che porterà alla rovina o alla salvezza. Forse in questa “no man’s land” gli uomini piangono, o bevono, o ricordano cose che nessuno conosce, o osservano i propri piedi scalzi, o provano una nuova scriminatura sulla testa calva, oppure sfogliano una rivista illustrata con immagini di belle donne seminude e muscolosi lottatori.
Ma non bisogna credere che quest’altra vita, questa “no man’s land”, sia la festa e tutto il resto i giorni feriali. Non per questa via passa la distinzione: solo per quella del mistero assoluto e della libertà.          

(Tratto da “Il giunco mormorante”, di Nina Berberova – Adelphi)
 

In una sera di queste, una sera nella no man’s land, ho sperimentato questa ricetta. Il sapore è indeciso, né dolce, né salato, sfugge al controllo. È un piatto libero: si può servire a colazione, a pranzo o a cena come dessert, a merenda o in piena notte, se si ha voglia di dissetarsi. È intrigante, un concentrato di attese.

Ingredienti (per 4 persone):

• 250 g di latte parzialmente scremato
• 200 g di panna da montare
• 1 cucchiaio di tè Houjicha Kaori Fumi
• 40 g di zucchero
• 35 g di pinoli
• 2 tuorli
• 50 g di infuso di tè Houjicha molto concentrato

Versate il latte in una casseruola e scaldatelo per 5 minuti mescolando lentamente. Spegnete, aggiungete le foglie di tè e lasciate in infusione per 10 minuti. Filtrate il latte e rimettetelo nella casseruola.
Aggiungete la panna montata e mescolate a fuoco medio per circa 3 minuti. A parte montate i tuorli con lo zucchero e quando il composto sarà spumoso, unitevi a filo il latte con la panna precedentemente preparati.
Mescolate tutto su fuoco basso per 6 minuti e per 3 minuti portate a bollore.
Versate il composto in un contenitore da freezer largo e basso foderato con pellicola per alimenti e lasciate raffreddare.
Mettete in freezer per circa 8 ore.
Togliete dal freezer e tagliate a pezzettoni; tritate i pezzettoni per circa 15 secondi e poi frullate per un minuto. Se lo ritenete necessario, rimettete in freezer.
Servite guarnendo con pinoli e affogando con il tè Houjicha freddo.

Banana split al tè verde

È una ricetta dedicata a tutti coloro che, giunta la primavera, iniziano ad assaporare il piacere di attardarsi fino a notte fonda: per leggere un libro, ascoltare musica, scrivere o dilungarsi in una chiacchierata telefonica con un amico lontano. Quando il sole tramonta più tardi e l’aria si fa più tiepida, la notte diventa per molti un’occasione, un frammento di tempo da cui farsi avvolgere per godere di tutti quei dettagli che durante il giorno si è costretti a trascurare.

Questa bevanda è particolarmente adatta ad accompagnare le notti di primavera: è fresca, dolce, semplice e veloce da preparare. È una di quelle tenerezze riservate solo a se stessi e che per questo diventano più buone.

È bella di notte la città. C’è pericolo ma pure libertà. Ci girano quelli senza sonno, gli artisti, gli assassini, i giocatori, stanno aperte le osterie, le friggitorie, i caffè. Ci si saluta, ci si conosce, tra quelli che campano di notte. Le persone si perdonano i vizi. La luce del giorno accusa, lo scuro della notte dà l’assoluzione. Escono i trasformati, gli uomini vestiti da donna, perché così gli dice la natura e nessuno li scoccia. Nessuno chiede conto di notte. Escono gli storpi, i ciechi, gli zoppi. È una tasca rivoltata, la notte nella città.   

(tratto da “Il giorno prima della felicità”, di Erri De Luca)
 

Foto tratta dall’album di Jape*

Ingredienti (per 2 persone):

• mezza tazza di tè verde giapponese Sencha Ariake raffreddato (potete sostituirlo con qualunque altro tè verde di vostro gradimento)
• un vasetto di yogurt alla vaniglia (o una tazza di gelato alla vaniglia)
• una banana piccola e matura
• sciroppo al cioccolato (q.b.)
• 4 cubetti di ghiaccio

Mettete tutti gli ingredienti in un frullatore, aggiungendo i cubetti di ghiaccio alla fine. Frullate per 3 minuti circa a velocità media, o comunque finché il ghiaccio non si sarà sciolto completamente. Servite subito (in un bicchiere o in una tazza) e, se desiderate, aggiungete un accenno di Maraschino.