抹 茶 Matcha: BIO o non BIO, questo è il problema


Alcuni lo chiamano ground tea, pare che l’ideogramma che lo rappresenta significhi letteralmente tè terra: 抹 茶.
Lo conosciamo tutti ormai, il tè Matcha. Il cacao verde. L’unico nel vasto panorama dei tè che si sorbisce interamente, perché si presenta in polvere piuttosto che in foglie. È il tè che si mangia.
Ha un aroma e un sapore perfettamente riconoscibili, imparagonabili. Grazie al metodo di coltivazione kabuse è acceso di un verde abbagliante, trattiene in sé il soffio del mare pur con una nota di spiccata dolcezza.
Per approfondirne ogni dettaglio torno a suggerirvi l’articolo di “Là dove fumano le tazze“, unitamente ad un video che ne sintetizza bene la raccolta, la lavorazione e la produzione.

Poco tempo fa mi sono imbattuta casualmente in un articolo redatto da un produttore di Matcha che mi è parso interessante approfondire, soprattutto perché tenta di scardinare una serie di convinzioni comuni in merito al biologico.
Nell’articolo si afferma che, a causa della coltivazione d’ombra, il tè Matcha non possa ottenere dalla luce del sole l’energia necessaria per crescere. Dunque, sempre secondo l’opinione del produttore, si trova a dover trarre questa energia dai fertilizzanti.
I giardini di tè biologici quindi, utilizzando fertilizzanti biologici, sembra non siano adatti a fornire il giusto apporto di amminoacidi alla pianta, non erogando azoto sufficiente. Il Matcha coltivato con metodi biologici risulta così avere un aroma più debole, un sapore più piatto, spesso amaro e tende a non avere il tipico umami.
Il produttore dichiara che i suoi agricoltori hanno scelto di utilizzare fertilizzanti naturali di altissima qualità ma non certificati biologici, uno dei quali è la farina di pesce, ottenuta tramite cottura, pressatura, essiccamento e macinazione di pesci o scarti di pesce , che pare fornisca una quantità equilibrata di tutti gli amminoacidi essenziali.

 

La questione mi ha incuriosita, così ho cercato di comprenderla meglio con il prezioso e consueto aiuto del Dott. Gianluigi Storto, il chimico del tè autore dell’ormai famosissimo libro Il Tè. Verità e bugie, pregi e difetti, Ed. Avverbi.

Riporto di seguito gli stralci salienti del nostro scambio epistolare sull’argomento:

“Tutta la costruzione logica dell’articolo poggia su un marchiano errore: che l’energia per la crescita delle piante non derivi solo dal sole ma anche dai nutrienti del terreno. Questo è un errore blu che qualsiasi studente delle medie che abbia letto il libro di scienze non dovrebbe fare.
L’energia per la crescita delle piante, di tutte le piante, deriva soltanto, esclusivamente, dal sole. Soltanto i raggi di luce solare riescono ad avviare la catena di reazioni fotosintetiche che portano alla rottura del fortissimo legame idrogeno-ossigeno,innescando poi la serie reattiva che porta alla produzione delle sostanze chimiche necessarie al metabolismo della pianta stessa.
Detto questo tuttavia, l’articolo contiene una verità: che cioè la composizione di una pianta dipende dal tipo di terreno, o meglio dal tipo di nutrienti che il terreno sul quale è cresciuta le ha messo a disposizione. Questi nutrienti non servono affatto a dare un po’ di energia in più, ma semplicemente a fornire gli elementi chimici che servono alla costruzione delle molecole necessarie alla crescita della pianta.
I fertilizzanti chimici servono appunto a questo, ad aumentare la disponibilità nel terreno di alcuni elementi chimici, in particolare azoto, fosforo e potassio, senza dei quali la pianta crescerebbe male (e aggiungiamo noi, senza dei quali il sapore delle sue foglie sarebbe inevitabilmente diverso).
Però…se il terreno su cui si coltiva la pianta è vergine, o comunque ricco di nutrienti, la fertilizzazione non è necessaria e la pianta è in grado di costruire tutte le sostanze che le servono (e il sapore delle sue parti, foglie comprese, sarà perfetto). Soltanto se il terreno è ormai sfruttato da secoli, l’uomo deve aggiungere potassio, fosforo e azoto se vuole che le piante crescano bene.
È innegabile che il tipo di terreno e il tipo di sostanze che la pianta ha a disposizione influenzano la quantità di alcune molecole e in definitiva il sapore dell’infuso, motivo per cui non possono esistere due té uguali e alcune piante coltivate in un certo posto (e questo vale per il vino, le arance e qualsiasi pianta) hanno un sapore, un taste differente da altre coltivate da un’altra parte.
Mi sembra però azzardato dire che sempre, in ogni caso, il non uso di fertilizzanti peggiora il sapore di un tè. Se il terreno su cui è stata coltivata la pianta è fertile, ricco naturalmente di azoto, potassio e fosforo, non è necessario aggiungerne di altro. Ma se mancano questi elementi, effettivamente la coltivazione “biologica” potrebbe far mancare alla pianta alcuni nutrienti. Motivo per cui, in generale molti scienziati e modestamente anch’io, hanno molte perplessità su tale stile di coltivazione.
Dipende quindi dal terreno e non da una legge di natura.

La coltivazione d’ombra non è al buio, ma solo sottoposta ad una minore quantità di illuminazione: ci sono piante che vivono benissimo con poca luce, per esempio quelle abituate a vivere nelle foreste, sotto l’ombra perenne degli alberi d’alto fusto. 
Quindi ombra non significa interruzione della fotosintesi. Nell’ombra ci sono sempre abbastanza fotoni per innescare e mantenere la fotosintesi clorofilliana. D’altra parte nell’articolo è detto chiaramente che si parla di una rete che dimezza semplicemente la quantità di luce.
Il punto forse è un altro, che cioè troppa clorofilla, che si sviluppa con la luce e più luce c’é più se ne sviluppa, quando si fa l’infuso del tè dà un sapore alla pianta. Con meno clorofilla, il sapore è inevitabilmente diverso, diciamo più fresco, come è scritto nell’articolo. Nulla di male, è un fatto di gusti e quindi non si discute. Ma la clorofilla ha poco a che fare con le catechine (polifenoli piccoli) che sono presenti nelle foglie, che si sviluppano anche a luce ridotta e che danno il vero sapore al tè.
Il fatto che un té coltivato all’ombra, e quindi con meno clorofilla, abbia un sapore “più fresco” non autorizza nessuno a dire che la pianta del té trae la sua energia dai nutrienti del terreno piuttosto che dalla luce del sole: sono cose differenti ed entrambe indispensabili”.

Al di là di ogni argomentazione, che certo sempre amplifica il piacere della conoscenza, la variabile più interessante rimane quella legata al ruolo che la natura gioca nella creazione del carattere individuale dei nostri tè.
Anche le condizioni atmosferiche, la quantità e la distribuzione temporale delle precipitazioni, la stagionalità, l’altitudine, la temperatura, l’abilità e la creatività profuse nella lavorazione influenzano l’assorbimento di nutrienti, il metabolismo cellulare e quindi il sapore delle parti vegetali. Dunque dovremmo rassegnarci dinanzi all’evidenza che non berremo mai una tazza identica ad un’altra, sebbene si possa trattare delle foglie di una stessa tipologia di tè, di uno stesso raccolto.
La natura avvia la sua minuta opera d’arte che, di volta in volta, sta a noi portare a compimento.


Tag: , , , , ,

Stampa questo articolo Stampa questo articolo Segnala a un amico

6 Commenti a “抹 茶 Matcha: BIO o non BIO, questo è il problema”

  1. Giustino Catalano Scrive:

    Condivido parola per parola ogni singola considerazione. Nella coltivazione incidono troppe componenti perchè si possa attribuire il sapore di un tè ad un dato elemento o alla sua mancanza.
    Il tè è fatto di infinite variabili non controllabili se non a posteriori e ad ogni singolo raccolto.
    E ciò senza valutare tutte quelle che intervengono in corso di lavorazione.
    Semplicistica ( e forse commercialmente utile pro domo sua) la motivazione (giustificazione?) che fornisce nell’articolo il produttore.
    Ottimo lavoro come sempre. Complimenti.

  2. Carlotta Scrive:

    Una domanda extra: il matcha è sicuro dopo tutto quello che è successo in Giappone nel 2011?

  3. Emanuela Scrive:

    Ciao, da poco mi sono appassionata al thè verde. Ha costituito per me la salvezza e la disintossicazione dalla caffeina di cui ero dipendente. Purtroppo non me ne intendo ancora molto e sono un pò angosciata dal bere thè giapponese. Io adoro la miscela Sakura di Mariage freres, fatto con te sencha, uno dei thè giapponesi più diffusi .
    posso stare tranquilla anche ora che i raccolti che troviamo in commercio sono successivi al disastro di fukushima? Vorrei tanto bere la mia adorata tazza di the senza pensieri e in tranquillità 🙂
    Grazie per la risposta ed il tempo che vorrai dedicarmi!

  4. Matteo Scrive:

    Ottima spiegazione, però vorrei ricordare che è proprio l’agricoltura industrializzata che distrugge la fertilità di un terreno. I metodi di agricoltura biologica nascono prima di tutto per cercare di preservare naturalmente la ricchezza del terreno mantenendo una produttività alta.

  5. Acilia Scrive:

    @Giustino Catalano
    Grazie 🙂

    @Carlotta
    La situazione è tornata alla normalità, in merito a tutti i tè giapponesi. Personalmente sono riuscita a ripristinare le importazioni da Uji già da qualche mese.
    I controlli alla dogana italiana rimangono severi, dunque puoi stare tranquilla.

    @Emanuela
    Come sopra 🙂
    Naturalmente però posso rispondere con certezza dei miei prodotti, non di quelli degli altri. In commercio si trova molto e ovunque.

  6. Loretta Scrive:

    Avevo sentito anche io questa notizia e mi aveva fatto storcere il naso. La risposta del Dott. Storto è decisamente molto esasustiva e dettagliata e ti ringrazio per averlo intervistato per noi in proposito.
    Tuttavia sono perplessa sull’affermazione che la coltivazione “biologica” potrebbe far mancare alle piante i nutrienti già carenti nel terreno… come giustamente dice Matteo è esattamente l’opposto: l’agricoltura biologica preserva il terreno al contrario di quella convenzionale. E direi che anche moltissime pratiche di coltivazione senza uso di pesticidi e concimi di sintesi ottengono con successo il medesimo risultato pur non potendo essere definite “biologiche”, o perché non sottoposte a procedura di certificazione o perché fuori dai protocolli di certificazione malgrado siano anch’esse in armonia con la natura (di frequente anche più in armonia del biologico certificato).
    Inoltre vorrei fare una considerazione che mi era immediatamente balzata alla mente già la prima volta che avevo intrasentito questa notizia. Essendo esso un prodotto coltivato da secoli in Giappone, tanto da essere al centro di un rito importantissimo come la cerimonia del tè sin dal 1400, direi che fin dall’origine è stato coltivato naturalmente dato che l’avvento della coltivazione così detta convenzionale è avvenuto parecchio dopo. Mi sembra assurdo pensare che i giapponesi “pre fertilizzanti di sintesi” gustassero un tè più debole e piatto, specie se si tira in ballo il tipico “umami” (tipico di cosa, dei fertilizzanti di sintesi?!?).
    Concordo con Giustino: direi che il produttore aveva il suo interese a scrivere una cosa così…

Lascia un Commento