Riemergere

Ho trovato quello che cercavo.

Per 120 giorni ho osservato, ascoltato.
Ho alternato lunghe giornate di silenzio a piene immersioni di vita reale, di contatto vero. Sentivo la necessità di mischiarmi tra la gente,  di immergermi nei rumori, di sentire le risate. Di vedere il mare.
Ho viaggiato, fotografato, ho cucinato per gli amici, letto libri con avidità nuova. Mi sono arresa all’amore.
Non ho smesso un solo giorno di bere tè, di continuare a sperimentarne di nuovi, e ad ogni sorso sempre mi ha colto quel salto in mezzo al petto che rimbalza fino al sorriso.

Questi sono i luoghi che, insieme alle vostre numerose email e messaggi, mi hanno permesso di riemergere.







In questo processo di ribaltamento e di recupero di un’emotività reale, ho compreso che la mia passione per il tè avrebbe dovuto iniziare a traslare su assi nuovi, diventando più concreta, più diretta, tangibile.

Lo stimolo è stato questo libro che, quando mi è giunto tra le mani, mi ha trasmesso un’energia costruttiva.
Devo a Francesca Martinengo la partecipazione a questa rassegna di oltre cinquanta foodblog tra i più visitati nel panorama italiano. Grazie a lei, di ciascun blogger si può conoscere la personalità, i temi principali trattati nel suo spazio virtuale e alcune delle sue ricette più rappresentative.
È stato un piacere sincero prendere parte ad un vademecum prezioso per un’esplorazione del gusto del tutto innovativa.



Ho dunque provato a cementare i rapporti con alcune figure e luoghi appartenenti alla mia terra, con l’intento di intessere una rete di appassionati reali, oltre che virtuali. Ché si possano guardare negli occhi mentre si chinano su una tazza odorosa.
In questi 4 mesi ho maturato il bisogno di vedere, di toccare, di concedere di annusare e di contagiare, oltre che scrivere, certa che questo avrebbe favorito anche il recupero degli stimoli perduti, di riscontri palpabili, di condivisioni totali.
Questi i luoghi che fino ad adesso hanno accettato la sfida e che ringrazio per la fiducia e la curiosità: Umami e Psicoluoghi.
Di volta in volta vi racconterò i progetti, gli eventi e le finestre che intenderemo aprire in ciascuno di essi, ampliando la condivisione e sperando di allargare i confini. Pochi giorni fa si è iniziato dallo Yoga Fest nel castello svevo di Barletta (BT), con un tè di benvenuto insieme a Psicoluoghi, le cui fotografie potete vedere qui.

Alla luce di queste numerose novità, il ritorno sui social network si fa mio malgrado indispensabile, non certo per i contenuti ma per una più veloce diffusione delle informazioni di ordine pratico e organizzativo, soprattutto legata agli eventi. Per i contenuti, vi prego di continuare a commentare nel blog, che vorrei rimanesse la Nostra Casa del Tè per antonomasia.

A questo proposito, l’evento di maggio scorsoLe forme della leggerezza” co-condotto con lo scrittore Paolo Lagazzi, rinviato a causa di un mio infortunio, si terrà sabato 20 ottobre, sempre presso lo Spazio Tadini a Milano. Qualora aveste piacere ad inoltrare l’invito ai vostri amici, potete farlo da qui.


La mia motivazione imprescindibile siete voi, il vostro affetto, la vostra stima. Mi siete mancati, tanto quanto mi è mancato raccontarvi. È bello che mi abbiate aspettata, come chi ti conosce da sempre e sa esattamente quello che farai perché sa che quello è il tuo bene.

Talvolta dunque le pause si rivelano preziose perché germoglino nuovi cammini. Riposare serve a riacquisire le forze, a fare spazio al vuoto che cede il passo al pensiero.
Del resto, come diceva Plutarco, “il riposo è il condimento che rende dolce il lavoro”.

 

Tag: , , ,

Stampa questo articolo Stampa questo articolo Segnala a un amico

8 Commenti a “Riemergere”

  1. Loretta Scrive:

    Bentornata mia cara, questo post mi rende felice.

  2. Iulia Scrive:

    Acilia sei tornata alla grandissima! Mi fa tanto piacere poterti rileggere, immergermi nei tuoi racconti tanto da poterne sentire l’odore, gustarmi appieno le tue fotografie ed immaginare il tè che ti ha accompagnato in quei momenti!

    Acilia cara tu sei tutta magica! 🙂

    Bentornata!

    un abbraccio

  3. The_Small_Axe Scrive:

    Sono rimasto allibito di fronte alla serenità che trasmette ciò che hai scritto. Adesso credo che di occidentale ti sia rimasto davvero poco. Sei grande ^_^

  4. Acilia Scrive:

    🙂

  5. Giustino Catalano Scrive:

    Lo ribadisco anche qui, oltre che a voce come ho fatto, non potevi mancare a lungo. Il mondo del tè si era impoverito d’improvviso.

  6. Paola C. Scrive:

    Che bello ritrovarti Acilia cara! Ti confesso che ogni settimana da maggio tornavo a controllare 😉
    Splendide le tue foto e sono tanto contenta della tua partecipazione al libro della Martinengo, complimenti 🙂
    Adesso non ci resta che attendere le novità e ritrovare l’immenso piacere di leggerti. Grazie un abbraccione

  7. Il Cucchiaino Scrive:

    Che belle queste immagini di posti che conosco. Che nostalgia! Un piacere ritrovarti.
    un abbraccio
    Miralda

  8. NadiaC Scrive:

    Ciao Acilia, sono capitata qui per caso perchè sto pensando da un pò ad un progetto nella mia Città, una sala da tè, ma sono un pò frenata per i costi, e perchè dovrei lasciare un lavoro sicuro per una passione che sta nascendo… Intanto ho iniziato con un sito internet http://www.paprikose.it di prodotti hand made, e scatole da tè che adoro in ogni loro forma, e poi mi sono aperta un blogg, non sono brava come te a scvrivere e mi reputo confusionaria, ma pensavo di iniziare così per portare avanti il mio progetto che richiede anche un pò di soldini, e quindi per ora ho optato per una sala da tè solo virtuale, ma spero sia solo l’inizio perchè io amo stare a contatto con le persone e non potrei mai vivere appieno la mia passione se non la posso condividere anche con un riscontro di persona.
    io ti ho aggiunto ai miei preferiti in http://paprikose.blogspot.it/
    Se hai qualche suggerimento da darmi le accetto ben volentieri.

    Ciao

Lascia un Commento