Un tè a Parigi

[…]
Finché ancora tempo, mio amore
e prima che bruci Parigi
finché ancora tempo, mio amore
finché il mio cuore è sul suo ramo
in questa notte di maggio sul lungosenna
sotto i salici, mia rosa, con te
sotto i salici piangenti molli di pioggia
ti direi due parole le più ripetute a Parigi
le più ripetute, le più sincere
scoppierei di felicità
fischietterei una canzone
e crederemmo negli uomini.
[…]

(Prima che bruci Parigi, 1958 – Nazim Hikmet)

Raccontare Parigi è una delle operazioni più ardue a cui ci si possa sottoporre: il rischio di essere banali è pressoché inevitabile.
Per questo ho scelto l’immagine che ne traccia Hikmet, perché sintetizza molti degli stati d’animo che ho riconosciuto anch’io percorrendo le strade della città. L’incanto, la seduzione, la soavità, l’inspiegabile fiducia in qualcosa di buono.

Mi sono chiesta come sarebbe se si potesse guardarla nel riflesso di una tazza calda, se si potesse associarla ad un aroma diverso di quartiere in quartiere, identificarla con un sapore ad ogni pausa, ad ogni emozione.
Parigi è intimamente legata al culto del tè, negli angoli di strade insospettabili serba luoghi di raro fascino in cui il tè si prepara e si condivide con la grazia tipica di un incedere lento.

Il fortunato incontro con La Botte Piccola, tour operator specializzato in viaggi di natura enogastronomica, mi ha dato finalmente la possibilità di concretizzare un progetto che da tempo solleticava la mia immaginazione: un itinerario dei più suggestivi luoghi del tè parigini.
Il desiderio è quello di condividere la scoperta e la conoscenza dei vari riti del tè, da quello cinese a quello giapponese, passando per quello indiano e inglese, fino ad arrivare a quello marocchino, godendo dei vari volti del nostro nettare ambrato nell’intimità di sale da tè accuratamente selezionate. Gli utensili saranno quelli tipici di ciascuna tradizione, come anche le atmosfere e la scelta delle tipologie delle foglie: in pochi giorni avrete l’opportunità di sperimentare un vasto panorama olfattivo e gustativo, spaziando dai tè verdi, bianchi e neri cinesi, ai verdi giapponesi, dagli Oolong taiwanesi al noto Masala Chai speziato, da frivole e sfiziose miscele aromatizzate accompagnate da torte artigianali al classico tè marocchino alla menta, assaporato in prossimità del bellissimo Istituto del mondo arabo, che regala un’ammaliante danza di luci grazie ai suoi 240 moucharabieh (pannelli di metallo) che si aprono e si chiudono ogni ora.
Il valore aggiunto risiede nel fatto di poter essere accompagnati in due delle degustazioni da Yu Hui Tseng, una maestra mondialmente riconosciuta per la sua conoscenza del tè cinese e da Madame Kazuyo Coineau, maestra del tè giapponese.
Dall’8 al 12 dicembre dunque, in piena atmosfera natalizia, in compagnia della sottoscritta e del caro collega Dott. Giustino Catalano, che vi rammento essere educatore del gusto, docente Master del tè per Slow Food ed esperto tea tester, avrete l’opportunità di concedervi 4 giorni lontani dal modo consueto di concepire la quotidianità, 4 giorni i cui battiti saranno scanditi dal compimento dell’armonia: tra le persone e tra esse e la natura, l’arte e il gusto.

A soli 250 metri dai Giardini di Lussemburgo, La Botte Piccola ha scelto per il soggiorno un piccolo design boutique Hotel situato nel cuore del quartiere latino, a pochi passi dal Panthéon e dello straordinario Museo d’Orsay. La zona è strategica anche per la vicinanza con la fermata della metropolitana, che vi consentirà di continuare a scoprire la Parigi che preferite durante il tempo libero.
Degna di particolare interesse è la visita prevista presso il Museo Guimet delle Arti Orientali fondato nel 1889, uno dei più grandi musei di arte asiatica fuori dall’Asia: uno scrigno di bellezza.

La cena di benvenuto si terrà in un ottimo ristorante giapponese la cui cucina creativa sarà accompagnata da un’ottima tazza di tè verde: perché sia di buon auspicio per l’avvio di nuove amicizie, di nuove condivisioni.

La disponibilità è riservata ad un gruppo massimo di 14 persone.
Per informazioni più dettagliate in merito al viaggio potete contattare La botte Piccola (tel. 339 199 4146). A tutti i clienti (già registrati) della bottega virtuale è stato concesso uno sconto del 5%.

Mi piace sperare sarete in molti a prendere parte a questa esperienza mai realizzata prima. È anche una bella occasione per conoscerci realmente e per condividere una serie di tazze non più solo virtuali, per compartecipare all’emozione della rivelazione di nuovi mondi.

Vi aspetto.

Tag: , , ,

Stampa questo articolo Stampa questo articolo Segnala a un amico

13 Commenti a “Un tè a Parigi”

  1. GiorgioT. Scrive:

    Che meraviglia, che idea straordinaria cara Acilia! Che bella anche la poesia di hikmet…
    Leggendoti non si può resistere alla tentazione di partecipare a questa esperienza che solo un’anima come la tua poteva concepire così.
    Non voglio mancare fosse anche solo per te e non per i tè 🙂

  2. Romy Scrive:

    Oddio, che meraviglia…

  3. Paola C. Scrive:

    Bella, bellissima idea 🙂
    Non ho ancora mai visitato Parigi e pensare di vederla attraverso i tuoi occhi mi intriga moltissimo…
    Contatterò presto La botte piccola, grazie cara Acilia. Sei speciale.

  4. Fabiana Scrive:

    Tentatrice!!!!!

  5. Paolo Scrive:

    È incredibile come tu riesca a mettere insieme arte sensibilità e buon gusto sempre. Complimenti vivissimi Acilia per questa iniziativa, mi piace moltissimo. Diffonderò tra i miei amici sicuramente.
    Conosco il Dott. Catalano e vi seguo spesso, sono certo siete in grado di fare grandi cose insieme con la vostra competenza e passione per la materia.
    Complimenti ancora
    Paolo

  6. Yari Scrive:

    Che splendore questa iniziativa! Mi piacerebbe molto partecipare, devo solo capire come sono messo col lavoro in quel periodo… Chissà che non riesca a parteciparvi!

  7. Parigi insieme a “tè”! Scrive:

    […] tè. La Botte Piccola, tour operator specializzato in viaggi enogastronomici, in collaborazione con Acilia Insieme a tè ha il piacere di proporre un interessante e affascinante lungo ponte dell’Immacolata decisamente […]

  8. Parigi insieme a“tè”! Scrive:

    […] tè. La Botte Piccola, tour operator specializzato in viaggi enogastronomici, in collaborazione con Acilia Insieme a tè ha il piacere di proporre un interessante e affascinante lungo ponte dell’Immacolata decisamente […]

  9. Il Sapone di Finnicella Scrive:

    Complimenti per questo delicato ed incantevole spazio internet;
    se ne hai voglia, passa a trovarmi!

    Il Sapone di Finnicella

  10. Saba Scrive:

    ^^ adoro il thè! infatti qui è ancora caldo e io soffro perché i miei pomeriggi invernali sono sempre accompagnati da una tazza di tè. E’ una cosa che ormai fa parte di me, è un momento di relax. Mi piace il tuo blog !!! ti ho inserito nella sidebar del mio blog . Ciao spero di leggere presto un nuovo post!! a presto. Saba

  11. HFH Scrive:

    Ho trovato questo post molto interessante 🙂 e poi Parigi è davvero una meraviglia!!
    Qualche tempo fa anche io ho scritto un post, questo è il link:
    http://www.homeforhome.it/tre-buone-ragioni-per-andare-a-parigi/
    Tornerò presto a leggervi! Alla prossima 😉

  12. Silvia Scrive:

    Una lettura affascinante.
    Ti ho presa come spunto.

    http://inutilepazzia.wordpress.com/2012/04/08/prima-che-parigi-bruci/

  13. Francesco Rosati Scrive:

    Splendore del tè nella rugiada del sole d’oriente portandolo a Occidente…..8888

Lascia un Commento